• Home
  • SAN FRANCESCO
  • LUOGHI
  • Eremo delle carceri

Eremo delle carceri

San Francesco amava ritirarsi in luoghi appartati a meditare e a pregare, da solo o con i suoi frati, anche per lunghi periodi durante l’anno.
Dimorava spesso nelle fenditure delle rocce e in grotte naturali, luoghi scelti nella storia cristiana anche da molti altri eremiti, prima e dopo Francesco.
L’eremo delle Carceri, distante circa quattro chilometri dal centro di Assisi, si trova lungo le pendici del monte Subasio, a quasi 800 m. di altezza, immerso in un’ampia faggeta. Era perciò un luogo ideale per questa scelta di vita. Il termine “Carceri” non indica infatti una prigione, ma luogo di segregazione dal mondo. L’amenità del luogo oggi rischia di essere letta dai visitatori solo con accenti romantici, ma non deve farci dimenticare le difficili condizioni di vita che lo caratterizzavano ai tempi di San Francesco, l’umidità e l’esposizione alle intemperie, la presenza di animali selvatici, la scarsità di cibo…
Sopra le numerose grotte fu costruito dapprima un piccolo conventino, attorno alla primitiva cappella di Santa Maria, poi via via furono aggiunte nei secoli altre costruzioni, fino alla configurazione attuale, definita nel XIX secolo. Il luogo è particolarmente suggestivo e mantiene, nelle dimensioni ridotte degli spazi e degli accessi, il carattere del nascondimento, invitando al raccoglimento e alla preghiera.

Per approfondire:
Regole di vita negli Eremi - di San Francesco
Sito web Eremo delle Carceri

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.